Categorie
In Consiglio In vetrina Monza

Depuratore di San Rocco, i miasmi e le boccate di ossigeno

Ieri 13 Gennaio si è tenuto un Consiglio Comunale tematico riguardante il Depuratore di San Rocco. Sotto trovate la cronaca Twitter delle principali dichiarazioni fatte dai tecnici di Alsi durante la seduta; sotto, a margine, alcune mie osservazioni veloci.

L'oggetto specifico della seduta di Consiglio, più che il Depuratore in sé, è stata la presentazione del nuovo progetto di aggiornamento e adeguamento del Depuratore, che è in realtà una modifica del progetto originario; importante come questo nuovo progetto sia nato sulla base di una sollecitazione del Sindaco Scanagatti perché Alsi studiasse ipotetiche vie alternative all'originaria, che diminuissero gli originali 12 anni di attesa.
E il dato fondamentale è che questo nuovo progetto taglia sensibilmente i tempi di realizzazione portandoli a 6 anni, con un ipotetico termine dunque nel 2020; questo significa dimezzare l'attesa che dovranno sopportare i cittadini di San Rocco perché cessino i celebri quanto odiosi ed intollerabili miasmi che affliggono il quartiere.
Secondariamente questo verrà realizzato diminuendo i costi, in modo contenuto per quanto riguarda i costi di realizzazione (4 mln sui 64 del vecchio progetto) ma in modo decisamente più sensibile per quanto riguarda i costi di manutenzione (si concretizzerebbe un risparmio netto di più di 1 mln di € all'anno).
Dov'è la chiave di volta del nuovo progetto? La chiave di volta è una soluzione ibrida rispetto alle due ipotesi "radicali", l'una di procedere ad un esclusivo ammodernamento dell'impianto esistente, l'altra di procedere ad una completa delocalizzazione. Le due proposte dicotomiche presentavano entrambe forti svantaggi: l'ipotesi di procedere all'ammodernamento completo del solo impianto esistente, ovvero quanto prevedeva il progetto originario, comporterebbe molti anni di attesa (12 circa) a causa del fatto che i lavori di miglioramento avrebbero dovuto coesistere con la piena operatività dell'impianto (non si può chiudere il Depuratore per tutto il corso dei lavori!), e avrebbero comportato maggiori costi sia in fase di realizzazione sia in fase di manutenzione; la seconda soluzione avrebbe comportato un consumo di suolo pubblico ingiustificato.
La soluzione ibrida consiste nel procedere alla rigenerazione di un'area dismessa adiacente al depuratore, già di proprietà Alsi e prima adibita al trattamento di rifiuti speciali, procedendo a realizzarvi un impianto che depuri da solo il 50% del carico, che possa essere realizzato in un anno (dopo la bonifica del terreno naturalmente!).
E' chiaro che una soluzione che permetta di garantire un eguale efficienza dimezzando i tempi di realizzazione è per noi assolutamente auspicabile, ed è bene che il progetto sia avviato il prima possibile. Perché anche a San Rocco si possa tornare a respirare boccate d'aria fresca.

Rispondi