Categorie
In vetrina Monza

Dal Welfare a iniziative per il rilancio dell’occupazione

Dal sito del Comune di Monza.
E’ stato sottoscritto dal Sindaco Roberto Scanagatti e dai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Monza e Brianza Maurizio Laini, Marco Viganò e Antonio Zurlo, un protocollo d’intesa per rafforzare il ruolo della città quale punto di riferimento per il sistema economico e produttivo territoriale.

Il protocollo, il primo documento di questo genere sottoscritto dal Comune e dalle organizzazioni sindacali, affronta i principali temi che saranno in seguito oggetto di accordi specifici: dal sostegno al welfare, alla promozione degli investimenti di qualità in grado di generare buona e stabile occupazione a Monza, alle politiche di tutela ambientale e territoriale. Cgil, Cisl e Uil hanno subito espresso apprezzamento per l'accordo raggiunto e ritengono importante che questo possa fare da traino per accordi con altri enti locali.

Il governo del territorio - si afferma in sostanza nel protocollo a cui ha lavorato, per il Comune, l'assessore alle Attività produttive Carlo Abbà - deve contribuire a promuovere uno sviluppo economico e di innovazione che si caratterizzino per la qualità delle attività produttive e dei servizi, puntando al rilancio del lavoro inteso anche come valore in sé oltre che fattore di crescita occupazionale, con una particolare attenzione alla salvaguardia dell'ambiente e al benessere dei propri cittadini.

L’intesa prevede la costituzione di una “cabina di regia”, composta da rappresentanti del Comune e delle sigle sindacali, che si confronteranno sulle scelte strategiche e di indirizzo attraverso tavoli di lavoro riguardanti in particolare il welfare municipale (ad esempio imposte e contrasto all'evasione, politiche socio-sanitarie e abitative, politiche per l'infanzia, scolastiche e per all'integrazione sociale), l’ambiente e la qualità della vita, il bilancio di previsione, a cui annualmente sarà dedicata una sessione di confronto preventivo.

E poi ancora sviluppo economico in particolare puntando su utilizzo e valorizzazione delle aree dismesse, sui rapporti con istituti universitari e della ricerca, sulla programmazione delle infrastrutture, su commercio, artigianato e turismo e sul contrasto all’illegalità. L’accordo sottoscritto non si sovrappone né sostituisce le contrattazioni sindacali tra Comune di Monza e i suoi dipendenti, previste dalla legge e dai contratti collettivi nazionali e decentrati.