Categorie
Monza

Commemorazione di Luigi Villa il 30 Dicembre

Luigi Villa era un operaio, un antifascista, era un ragazzo che aveva un anno meno di me (22 anni) quando fu catturato perché scoperto mentre distribuiva volantini contro la guerra, e fucilato il 30 Dicembre del 1944.

L'A.N.P.I. di Monza commemorerà la sua figura questo Martedì 30 Dicembre, alle 11, davanti alla lapide che lo ricorda in Via Vittorio Veneto 1, al Circolo Cattaneo, che a lui ha dedicato la sala al piano terra che tante riunioni, incontri pubblici, eventi politici ha sempre ospitato.

 

Categorie
Monza

La storia dei fratelli Cervi, a Monza!

Domani, venerdì 29 Maggio, al Circolo Cattaneo, via Vittorio Veneto 1, due realtà che stimo molto come l'Arci Scuotivento e l'ANPI di Monza organizzano la presentazione del libro "Io che conosco il tuo cuore", di Adelmo Cervi e Filippo Andreani, che ripercorre la vita di Aldo Cervi, padre di Anselmo, e degli altri fratelli Cervi barbaramente assassinati dai fascisti.
Per non dimenticare, siateci. A partire dalle 20 per un aperitivo resistente e dalle 21 per la presentazione del libro.
Ci vediamo lì.

Categorie
Monza

Commemorare Gianni Citterio per una città antifascista

Sabato 22 Febbraio, alle 9.30 in Piazza Gianni Citterio, alle 10 in Sala Consiliare.
Commemorare per costruire antifascismo militante nella nostra città.

MAN GIANNI CITTERIO

Categorie
In Consiglio In vetrina Monza Mozioni

Misure da attuare contro ogni neofascismo

Ho voluto attendere che passasse la "buriana" di questi giorni, prima di pubblicare il testo della Mozione che ho presentato lo scorso Giovedì 7 Novembre dal titolo "Misure da attuare contro ogni neofascismo".
Prima voglio però ringraziare di cuore tutte le compagne e i compagni, tutti i fratelli e le sorelle che nei giorni scorsi mi hanno espresso vicinanza, affetto e solidarietà; e a tutt* voi che mi avete riempito di calore umano volevo dedicare questa canzone:

 

 

Oggetto: misure da attuare contro ogni neofascismo e contro ogni manifestazione di discriminazione

Questa mozione nasce per iniziativa dei firmatari dell'Appello qui allegato.

Considerato che la galassia dell'estrema destra continua a occupare le pagine di cronaca per le proprie aggressioni e agguati in tutta Europa, come l'assassinio dell'antifascista parigino Clément Mèric e del rapper greco Pavlov Fyssas; in Italia con la strage perpetrata a Firenze dal militante di Casapound Gianluca Casseri, con l'aggressione ai danni di Luca “Zulù” Persico, membro dello storico gruppo napoletano “99 Posse”, da sempre impegnato nella lotta al neofascismo, e, sul nostro territorio, con le intimidazioni subite da Saverio Ferrari, direttore dell'Osservatorio Democratico sulle Nuove Destre unito al moltiplicarsi di manifestazioni e raduni neofascisti e neonazisti; nella nostra città con alcune aggressioni, con l'imbrattamento dei murales di Via Rosmini, realizzati dal Centro Sociale Foa Boccaccio e dedicati ai partigiani Salvatrice Benincasa ed Enrico Bracesco, nella notte tra l'11 e il 12 febbraio 2012 – circostanza nella quale venne fatta esplodere anche una bottiglia incendiaria-, con numerose scritte di stampo neofascista e con svastiche disegnate sui muri della Biblioteca Civica, luogo della cultura e dei saperi, e da ultimo l'episodio di intimidazione ai danni di persone di colore nel sottopasso Rota-Grassi, allo scopo di, affermano coloro che hanno compiuto il gesto, “nazificare un po' Monza”.
Valutato che a Monza esistono almeno tre associazioni di chiara ispirazione fascista: Lealtà e Azione, stabilitasi in via Dante due anni fa, che tenta di creare intorno a sé un clima di relativo silenzio pubblico, rotto però dalle continue segnalazioni delle forze antifasciste e non ultimo anche dal Sindaco Scanagatti che ha rifiutato di concedergli l'uso della Sala comunale Maddalena; Forza nuova, i cui militanti si sono spesso presentati in città sotto le spoglie dell'associazione Leone Crociato; CasaPound Monza, che seppur presente dal 2008, ha avuto scarso successo e ha effettuato una sola fallimentare uscita pubblica durante la campagna elettorale per le Politiche 2013.
Osservato che l'Osservatorio Democratico sulle Nuove Destre ha realizzato un dossier nel quale sono contenute approfondite informazioni concernenti l'attività, i riferimenti ideologici, la presentazione pubblica delle organizzazioni neofasciste e neonaziste presenti sul territorio.
Reclamato che la XII Disposizione Transitoria e Finale della Costituzione della Repubblica Italiana, sorta dalla lotta partigiana antifascista, vieta la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista. Che la legge n. 645 del 1952, legge Scelba, proibisce esplicitamente richiami all'ideologia nazi-fascista, e la legge n, 205, del 1993, legge Mancino, vieta la manifestazione di atteggiamenti di discriminazione razziale, etnica, religiosa o sessuale.
Viste le sentenze della Corte di Cassazione – V sezione penale n.11 del 8 gennaio 2010 su Forza nuova e n. 40111/13 del 27 settembre 2013 su CasaPound

Si impegna la Giunta e il Sindaco a:
Individuare le forme e le modalità più efficaci per impedire secondo tutti i propri mezzi che le organizzazioni neofasciste abbiano agibilità politica sul territorio cittadino, in particolare nell'ambito delle occupazioni di suolo pubblico con gazebo da parte di associazioni o partiti che non si riconoscono nei valori antifascisti della Costituzione.
Coordinarsi con il Prefetto affinché vi sia una più severa applicazione della legge n. 645 del 1952 (legge Scelba) e della legge n, 205 del 1993 (legge Mancino). A promuovere, direttamente quando possibile, azioni legali in caso di violazione delle suddette leggi sul territorio comunale.
A farsi carico del mantenimento della memoria storica della Resistenza e delle origini antifasciste della Repubblica Italiana, con iniziative culturali in collaborazione con le scuole di ogni grado, e nei luoghi di aggregazione.
A sensibilizzare la cittadinanza monzese sui nuovi fascismi in particolare sul nostro territorio, con particolare attenzione alle fasce più giovani più esposte al fascino della mitologia neofascista.

Alessandro Gerosa - Sinistra Ecologia Libertà Monza

APPELLO per MONZA ANTIFASCISTA
La recrudescenza del fenomeno neofascista in atto in Europa è ormai giunta al culmine con l'assassinio degli antifascisti Clément Méric a Parigi nel giugno di quest'anno, e di Pavlos Fyssas ad Atene in settembre per mano di un militante dell'organizzazione neonazista Alba Dorata, cresciuta nel contesto della grave crisi economica e sociale e grazie alle connivenze con settori della Polizia greca.
In Italia la ormai ventennale propaganda omofoba, xenofoba e razzista e la riabilitazione di figure legate al ventennio fascista con l'intitolazione di targhe, strade e monumenti ad opera di partiti che siedono nelle Istituzioni locali e nazionali, ha favorito il proliferare di organizzazioni di estrema destra, con l'inevitabile strascico di manifestazioni e provocazioni.
Solo in Lombardia dall'aprile di quest'anno si sono tenuti ben quattro eventi dichiaratamente fascisti.
Ultimo in ordine di tempo il festival Boreal a Cantù in uno spazio pubblico inspiegabilmente concesso da un sindaco di area democratica a Forza Nuova, organizzazione che, dopo la sentenza della Corte di Cassazione del 2010 n. 11, dovrebbe essere al bando nel nostro Paese! A Monza sono presenti almeno tre associazioni di chiara ispirazione fascista. Lealtà Azione, stabilitasi in via Dante due anni fa, ha recentemente ospitato un'iniziativa con un veterano della Decima MAS che, al fianco dell'alleato nazista, compì eccidi di civili e partigiani tra il '43 e il '45. Forza Nuova, rappresentata in città da Leone Crociato, spesso in piazza con banchetti contro gli immigrati (i volti dei suoi militanti nelle foto pubblicate sul loro blog, sono sempre mascherati con il teschio simbolo delle SS). CasaPound, i cui militanti si autodefiniscono “fascisti del III° millennio”, presente a Monza dal 2008.
Come in passato questi gruppi strumentalizzano la crisi economica e sociale e il crescente disagio dei giovani e dei cittadini indicando il “nemico” da battere nell'immigrato, alimentando un clima di intolleranza e di conflitto tra poveri.
Le forze politiche e le associazioni democratiche di Monza sono risolutamente impegnate a contrastare presenza e attività di queste organizzazioni e rivolgono questo appello alla città, alle donne e agli uomini della cultura, dell'arte e della politica affinché cada il muro dell'indifferenza, già fonte nel passato di pericolose derive.
Medesimo impegno può e deve assumere la nostra Amministrazione Comunale alla quale chiediamo, nel rispetto della nostra Costituzione conquistata – è bene ricordarlo – con il sacrificio di tanti partigiani e antifascisti caduti e deportati anche nella nostra città, di inserire nel regolamento per la concessione degli spazi pubblici, il requisito “ANTIFASCISTA”.
Monza, settembre 2013

FIRMATARI
A.N.P.I. (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) – Sezione “Gianni Citterio” - Monza
A.N.E.D. (Associazione Nazionale Ex Deportati) – Sezione Monza Sesto San Giovanni
ARCI SCUOTIVENTO – Monza
Giovani Comunisti – Monza
PRC - Partito della Rifondazione Comunista – Circolo “Peppino Impastato” – Monza
SEL – Sinistra Ecologia e Libertà – Circolo di Monza
Partito Democratico – Monza
Comitato Beni Comuni – Monza e Brianza
Comunisti Italiani – sezione “Emilio Acerbi” - Monza
Partito Comunista dei Lavoratori – Monza Brianza

ADESIONI
Città Persone Lista Civica Faglia
UDS Unione degli Studenti
Centro Culturale Ricerca CCR
Osservatorio Democratico sulle nuove destre
Associazione Culturale NOVALUNA
Comitato per il Parco “A. Cederna”
Comitato "La Villa Reale e' anche mia"
Partigiani Cristiani
Coordinamento Inquilini Alloggi Comunali
Azione Civile Monza Brianza
CGIL- CISL- UIL Monza Brianza
Associazione Culturale San Fruttuoso
Osservatorio Antimafie Monza Brianza
Moderati Ecologisti
Associazione LIBERA Monza Brianza
Italia Nostra
Legambiente Circolo “Alexander Langer”
Il “Villaggio Globale”

Categorie
Monza

Lettera dell’ANPI Mb a Provincia, Prefetto e al Questore

Pare che a circa metà Settembre Nazisti e Fascisti intendano tenere un raduno internazionale. Pare che questo raduno possa essere in Brianza. E' cosa certa che ciò non potrà essere tollerato. Di seguito la lettera che l'ANPI Monza Brianza nella figura del suo Presidente Loris Maconi ha inviato a Provincia (quindi al noto antifascista Dario Allevi), Prefetto e Questore. Speriamo che venga attentamente letta e siano prese le conseguenze del caso.

-----------------------

Egregio Sig. Presidente,
dalla stampa abbiamo notizia che dal 12 al 14 settembre prossimi si terrà un
raduno internazionale di forze che si richiamano ai tragici valori del nazismo
e del fascismo.
Da alcune indiscrezioni sembra che tale raduno si potrebbe svolgere in una
località della Brianza.
L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia di Monza e Brianza esprime la
propria preoccupazione per quanto preannunciato. Le chiede di fare tutto quanto
in suo potere per verificare la veridicità della notizia. Qualora venisse
accertata, l’Anpi Monza e Brianza la invita ad assumere ogni misura possibile
per impedire che ciò avvenga. Il raduno nazifascista rappresenterebbe una grave
offesa alla cultura democratica e antifascista della Brianza nonché una grave
violazione dei principi costituzionali. Ricordiamo infine che quest’anno
ricorre il settantesimo anniversario della Resistenza Italiana e sarebbe ancor
più inaccettabile che trovassero spazio manifestazioni di chiaro stampo
neofascista.

Certi della sua consueta collaborazione colgo l’occasione per inviarle i
migliori saluti.

Il Presidente dell’Anpi Provinciale di Monza e Brianza

Loris Maconi

Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Comitato Provinciale Monza e Brianza
Ente morale: D.L. n.224 del 5 aprile 1945