Categorie
In Consiglio In vetrina Mozioni

Mozione: Realizzazione di politiche di Co-Housing

Mozione: Realizzazione di politiche di Co-Housing

Premesso che:

- Il termine Co-Housing significa letteralmente “coabitare” e viene utilizzato in riferimento a una particolare forma di vicinato, dove singoli, coppie di giovani o anziani, intere famiglie vivono in complessi residenziali composti da appartamenti privati e da ampi spazi destinati all’uso comune. Oltre al tema della condivisione di spazi comuni, il co-housing è un modello abitativo in cui ricostruire legami sociali e nuove forme di abitare collettivo, contribuire alla qualità delle pratiche di vita quotidiane soddisfacendo i bi-sogni di socialità della cittadinanza, quali ad esempio l’accudimento dei bambini, degli anziani, la cura dell’ambiente, la manutenzione ordinaria degli edifici e la collaborazione con la municipalità.

- Il Co-Housing rappresenta un potenziale scarto culturale nell’attuale logica residenziale, quello di promuovere i principi di solidarietà, dialogo, meticciamento e coesione sociale finalizzati al benessere e alla sicurezza dei cittadini; prevenire il disagio, fino alle patologie individuali e collettive, derivante dalla solitudine connotante in termini sempre più critici la società individualista odierna; favorire forme di razionalizzazione dei consumi legati alla scelta consapevole di condividere spazi e servizi in uno spirito collettivo di mutua solidarietà; privilegiare l’impegno civile volontario e gratuito che rappresenta una importante risorsa per la collettività se favorito ed incentivato.

Considerato che:
- Nelle nostre società occidentali si è affermato un modello nucleare di famiglia sempre più chiusa nel proprio guscio e sempre maggiormente individualista, disgregante le reti parentali e sociali;
- Una crisi del modello di welfare pubblico esistente, perdurante da alcuni decenni, ha comportato un crescente abbandono delle famiglie nella gestione delle criticità sociali, nonché l’affievolimento delle pratiche di coesione sociale.

Rilevato che:
- Il Documento d’Inquadramento approvato dal Consiglio Comunale possiede le finalità, in particolare: di risanamento e riqualificazione al fine della dotazione di servizi nei quartieri oltre che di servizi generali urbani e allo scopo; di realizzare opere di interesse pubblico, anche esterne al perimetro dei singolo PII, in forma singola o associata, aree e opere in genere individuate nel Piano dei Servizi vigente e nel Programma delle Opere pubbliche, comprese opportunità di edilizia pubblica o convenzionata in affitto e in proprietà anche nelle varie forme di housing e cohousing.

Riscontrato che:
- Ad oggi, non risulta che le passate amministrazioni Monzesi abbiano mai preso in considerazione questo importante strumento di partecipazione, per rigenerare usi civici del patrimonio municipale, in grado di favorire, per l’appunto, socializzazione e legami di collaborazione tra cittadinanza e municipalità.

- Le linee guida proposte nel Documento d’Inquadramento recentemente approvato delineano una strategia di recupero e riqualificazione delle aree già urbanizzate, dismesse o sottoutilizzate, come modello per uno sviluppo sostenibile centrato sul riciclo e sul consumo zero di suolo.
- L’elaborazione del Documento d’Inquadramento ha rappresentato un passaggio chiave ed intermedio di forte indirizzo politico in preludio alla elaborazione del futuro Documento di Piano, che andando a costituire parte integrante del Piano di Governo del Territorio vigente dovrà trovare sintesi al proprio interno delle nuove esperienze ed indirizzi urbanistici, anche rispetto al tema centrale dell’impiego strategico del patrimonio immobiliare pubblico.

Osservato che:
- Appare oggi evidente la necessità di valorizzare soluzioni capaci di coniugare le politiche residenziali urbane con la produzione di socialità dal basso, producenti un contributo concreto alla qualità di vita quotidiana.

Riscontrato che:
- La realizzazione di forme di Co-Housing residenziale all’interno del tessuto urbano permette di costituire nuovi nodi facilmente incorporabili nel reticolo di sostegno sociale cittadino, capace di incrementare la sinergia sistemica della rete, rigenerare sistemi di welfare locali e protezione sociale, prevenire fenomeni di bullismo ed emarginazione sociale, diventare risorsa e scambio cooperativo per il contesto in cui si installa.

Valutato che:
- Il Co-Housing possa diventare per le amministrazioni pubbliche uno strumento per rigenerare usi civici del patrimonio municipale, favorendo la ricostituzione di legami sociali e di nuove forme di abitare collettivo e collaborativo di interesse territoriale, creando spazi verdi pubblici autogestiti, mettendo a disposizione sale e servizi comuni a disposizione dei cittadini (asili, palestre, biblioteche).

- Il Co-Housing agevoli la municipalità riducendo le necessità ed i costi in termini di sistema di welfare comunale (i.e. giovani coppie, anziani etc.), di interculturalismo e coesione sociale, di investimenti per la sicurezza urbana. Favorisca inoltre un maggiore coordinamento della pianificazione urbana.

Si impegna la giunta a:
- Valutare l’inserimento di interventi di Co-Housing nei piani attuativi dei Piani d’Intervento Integrato previsti tramite il Documento d’Inquadramento approvato.
- Inserire nel futuro PGT il Co-Housing come prospettiva abitativa all’interno del comparto di edilizia sociale
- Prevedere alcune occasioni per interventi di cohousing e di autocostruzione con finalità di
“sperimentazione”. A fronte di un riscontro positivo potrà essere aumentata automaticamente l’offerta abitativa grazie alla loro valenza di standard urbanistici, se a prezzi e requisiti convenzionati, che ne permettono la realizzazione in ogni area prevista come area standard dal Piano dei Servizi.

Alessandro Gerosa - Sinistra Ecologia Libertà

Categorie
In Consiglio Monza Mozioni

Ordine del Giorno: L’edilizia sociale fra le priorità nella pianificazione dei nuovi Pii

Il testo dell'ordine del giorno approvato e quindi allegato al nuovo Documento d'Inquadramento:

Ordine del Giorno: L’edilizia sociale fra le priorità nella pianificazione dei nuovi Pii

Il Consiglio Comunale

Valutata la proposta di Documento di Inquadramento.

Considerata l'opportunità di migliorare il tessuto urbano Monzese anche in termini di maggiore dotazione di standard di qualità.

Rilevata la proposta di includere anche l'edilizia residenziale sociale tra le funzioni
conteggiabili come standard di qualità.

Sottolineato che tale criterio di priorità, oltre che incrementare il patrimonio del Comune, risponderebbe alla forte domanda di alloggi popolari espressa dalla città (oltre 700 domande).

IMPEGNA LA GIUNTA

A stabilire tra le priorità, nella pianificazione dei nuovi Programmi Integrati di Intervento, l'edilizia residenziale sociale, tramite la cessione da parte degli operatori al Comune
di aree su cui realizzare edilizia a canone sociale o moderato, oppure quote di edifici, oppure opere edilizie di risanamento di alloggi comunali esistenti.

Alessandro Gerosa - Sinistra Ecologia Libertà

Categorie
In Consiglio Interventi

Intervento su revoca della Variante al Pgt

E’ stato detto che con questa revoca assieme all’acqua sporca si butta via anche il bambino. Ma come perfettamente ha già esposto il Consigliere Faglia, qui non c’è nessun bambino da salvare.
Per esserci un bambino, sarò banale, ci sarebbe dovuto essere un concepimento. E che concepimento ci può essere quando lo scorso Febbraio l’ex-assessore all’Urbanistica, ad un giornalista che gli domandava da dove potessero spuntare i 17’000 abitanti in più che la Variante prevedeva, rispose che “Non è mai successo che un piano venisse interamente realizzato, anzi, con la situazione economica attuale probabilmente non si farà niente”.
Ma allora di cosa stiamo parlando? Stiamo discutendo di una Variante che per auto-confessione sarebbe adeguata solo se non realizzata!
Una Variante cioè incapace di indicare prospettive di sviluppo per la città!
Di una Variante simile non si dovrebbe chiedere la revoca, quanto la Damnatio Memoriae, come si faceva nell’antica Roma per preservare l’onore ed il buon nome della Città!
In questi anni, ai tanti cittadini che come noi si sono opposti a questa Variante, è parso di discutere non di un piano Urbanistico, quanto di un piano immobiliare.Oggi a Monza c’è bisogno di edilizia convenzionata, e va costruita. Ma non di nuovi palazzi di edilizia residenziale!
A Monza abbiamo 5’000 appartamenti vuoti, 2000 nuovi e mai venduti, 3000 sfitti. Bisogna allora realizzare politiche che aiutino a riempire questi appartamenti, anche penalizzando fiscalmente la scelta di lasciarli vuoti, o aiutando i giovani che non possono acquistare casa per la mancanza di un reddito continuo, non costruire nuovi palazzi utili solo a gonfiare queste statistiche già allarmanti!
Revocare questa Variante al Piano di Governo del Territorio non è uno spreco, è un guadagno immenso: capisco che possa essere difficile da comprendere per chi è abituato a ragionare secondo certi parametri, ma il valore delle aree verdi non è monetizzabile, è intrinseco! La scelta esposta dall’Assessore di mantenere le aree esterne all’attuale Tessuto Urbano Consolidato è una Eredità immensa che lasciamo alle giovani generazioni d’oggi e alle generazioni future.
In ultimo vorrei ribaltare il mio discorso in positivo e verso il futuro: è già stato detto dal Cons. Faglia, come d’altra parte è scritto nel programma, che anche il PGT vigente andrà rinnovato ed adeguato in alcune sue parti.
Se questa Variante ha messo al centro la quantità, noi vogliamo al centro la qualità, che è un obbiettivo raggiungibile solo rispondendo ai bisogni dei cittadini. Rendiamo le nostre scelte partecipate: andiamo nei quartieri ad ascoltare i comitati ed i cittadini Monzesi e rendiamo le loro voci rilevanti nelle scelte Urbanistiche di Monza; Vimercate e Milano ci hanno già indicato la strada, dimostriamoci capaci di raccogliere le buone pratiche!