Questa domenica, 7 Aprile, a Monza si terranno le "pulizie di primavera".
Un'iniziativa che ha raccolto un'adesione vastissima e ben meritata, che superato le stesse aspettative dell'amministrazione e che è arrivata a mettere in difficoltà la stessa macchina amministrativa per il carico di associazioni e cittadini che hanno presentato progetti e si sono offerti di partecipare.
L'idea è semplice: traslare le tradizionali pulizie di primavera dall'ambito domestico a quello urbano; invitare cioè tutti i cittadini a contribuire a pulire e migliorare la città con un impegno in prima persona.
E' un'iniziativa che non può che trovare il nostro plauso per diverse ragioni: oltre all'implicito miglioramento dei luoghi/spazi della nostra città, sarà un'occasione importante di aggregazione e socialità, di conoscenza reciproca fra le varie realtà associative del territorio e fra queste e i cittadini, un'importante esperienza di cittadinanza attiva e, non ultimo, un'applicazione concreta dell'obbiettivo politico, che è e deve rimanere uno dei capisaldi di un'amministrazione di Centro-Sinistra, di elevare lo spazio urbano a spazio collettivo aperto di vita e socialità, in contrapposizione, o meglio in concorrenza, allo spazio domestico chiuso.
Nel Consiglio Comunale di ieri, a margine di queste considerazioni senz'altro positive, ho segnalato un "rischio degenerativo" nel concetto di pulizia, auspicando che l'amministrazione non vi cedesse: passare dalla pulizia ad una "vocazione igienista", all'intento di creare uno spazio asettico, che invece che arricchire la città di una riscoperta bellezza la impoverisca. Ho tratteggiato un paragone con le pulizie domestiche, sperando di aver colto nel segno: come nessuno butterebbe, per far pulizia, dei bei quadri, così ho auspicato che non vadano cancellate non le "tag" o scritte, ma quelle espressioni artistiche di valore che sono diffuse nella città ad opera di tanti anonimi autori che hanno permesso all'arte di meticciarsi con lo spazio urbano non meno di analoghe iniziative culturali avallate dal comune.
Posso dirmi ancora una volta soddisfatto della risposta del Sindaco che nello stesso Consiglio Comunale ha precisato che quanto sarà oggetto di cancellatura saranno le scritte e le tag deturpanti l'ambiente urbano.


1 commento

Alessandro Gerosa | Mozione: politiche per la diffusione ed il sostegno alla street art · 12 aprile 2013 alle 17:19

[…] lo scorso lunedì in merito a politiche di sostegno e diffusione della street art, dopo l’intervento compiuto sull’argomento il giovedì precedente. Non un atto isolato ma un percorso comune che per noi deve portare ad un […]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: